< back

CULTURA
Possiamo salvare il mondo, prima di cena. Perché il clima siamo noi
 

Agire seguendo gli insegnamenti della storia

 
 
 

Le parole di Safran Foer, tanto semplici quanto incisive, fotografano un contesto preoccupante. La questione climatica però non viene ancora vista per quello che è. ...

 
 

 

giovedì 9 dicembre 2021

 

 

Le parole di Safran Foer, tanto semplici quanto incisive, fotografano un contesto preoccupante. La questione climatica però non viene ancora vista per quello che è. Anche se oramai la percezione dell’opinione pubblica, grazie anche ai movimenti giovanili trainati dall’attivista svedese Greta Thunberg, appare consapevole dei rischi a cui il genere umano va incontro. 

Serve una maggiore spinta da parte dei decisori pubblici, a livello globale, verso la strada del cambiamento, all’insegna di un modello sostenibile di sviluppo. Il problema forse più difficile da superare secondo l’autore è che l’emergenza ambientale è una questione che spaventa ma insieme lascia indifferenti. Nella certezza che, prima o poi, arriverà qualcuno o qualcosa a risolvere la “faccenda”.

Safran Foer, nelle pagine del libro, invita il lettore a un interessante paragone storico. Quello con la pagina più terribile della storia dell’umanità. Cosi come l’orrore dell’olocausto venne accettato solo alla fine del conflitto, con le parole di Jan Karski, il testimone della shoah per troppo tempo inascoltato, cosi il rischio di una estinzione di massa causata dai cambiamenti climatici non coinvolge abbastanza da indurci a cambiare i nostri stili di vita.

Non muoviamoci quando l’irreparabile sarà già successo! È la speranza dell’autore.

Nel suo nuovo libro, Jonathan Safran Foer mette in campo tutte le sue risorse di scrittore per raccontare che la crisi climatica, che è anche “crisi della nostra capacità di credere”, dipende ancora da noi. Un libro che parte dalla volontà di “convincere anche gli sconosciuti a fare qualcosa” e termina con un messaggio rivolto ai figli, ai quali ciascun genitore, non solo a parole, ma con le proprie scelte, spera di riuscire a insegnare “la differenza tra correre verso la morte, correre per sfuggire alla morte e correre verso la vita”.

“Il messaggio di Foer è al tempo stesso commovente e doloroso, scoraggiante e ottimistico, e costringerà i lettori a rivedere il proprio impegno nel combattere “la più grande crisi che l’umanità abbia mai dovuto affrontare”– Publishers Weekly

  • Editore: ‎ Guanda (24 settembre 2020)
  • Lingua: ‎ Italiano
  • Copertina flessibile: ‎ 320 pagine
  • ISBN-10: ‎ 8823527236
  • ISBN-13: ‎ 978-8823527232
  • Peso articolo: ‎ 300 g
  • Dimensioni: ‎ 20.7 x 2.7 x 13.5 cm